Avvisi, Rassegna stampa | 27.01.2015
Non è semplice, talvolta,  ricordare;  soprattutto non lo è  quando il ricordo ci conduce nel freddo di un campo di sterminio. Invece,  il “meditare che questo è stato” è l’imperativo che oggi, “Giornata della memoria”, echeggia nelle nostre aule affinché  i ragazzi conoscano, in modo non sommario, ma tuttavia proponibile, l’orrore della Shoah, follia collettiva che contaminò le menti e macchiò la storia. ..... si allega l'articolo competo della prof.ssa Ragucci  
Pagina Precedente